Balotelli: “Donnarumma o Maignan?

0
2446

Balotelli reagisce dopo l’intervista di Cassano su Leao e parla sul portiere. Rafa Leao fa sempre discutere.

Al Milan non è bastata l’ottima prestazione dell’attaccante portoghese per portare a casa la vittoria contro il Borussia Dortmund, ma le attenzioni della critica sono state rivolte, comunque, su di lui.

In queste ore stanno facendo parlare molto le dichiarazioni di Antonio Cassano nei confronti di Leao e la risposta social del portoghese, che di fatto ha dato del pagliaccio al barese. Non c’è testata web che non ne sta parlando. Anche Mario Balotelli, ha voluto dire la sua su quanto successo.

Così l’attaccante ha punzecchiato Cassano, ma allo stesso tempo ha voluto ‘avvisare’ Leao: “Paragone Leao-Alvarez di Cassano? Giocare nel City e nel Milan, oggi è completamente diverso. Giocare in Italia è una cosa, in Inghilterra è un’altra.

Leao è fantastico, ha un talento assurdo. Sicuramente si trova in una situazione non semplice, perché il Milan è sulle sue spalle. C’è il rischio che si rovini, perché ha dimostrato, ma deve ancora dimostrare il suo valore.

Ora è troppo facile attaccare Leao perché ha tutta la responsabilità sulle sue spalle. Voglio bene Antonio, è stato calciatore anche lui, ma un commento così non l’avrebbe accettato neanche lui”.

Mario Balotelli è stato chiamato a rispondere anche su Gianluigi Donnarumma. Fra una ventina di giorni il portiere francese sfiderà per la prima volta il Milan da ex.

“E’ uno dei portieri più forti che ci sono. E’ in assoluto tra i migliori. L’odio nei suoi confronti è nato dopo l’addio al Milan. Purtroppo sono cose che succedono, ma la sicurezza che dà lui la posseggono in pochi.

I portieri sono come gli attaccanti. Ogni portiere è diverso Maignan è un portiere diverso. Sono due estremi difensori eccellenti. Se devo scegliere per la mia squadra tra Donnarumma o Maignan, dico Gigio. Ma se mi dai Maignan sono felice lo stesso”.

Ma il migliore non è né Donnarumma né Maignan – “Julio Cesar, perché nell’anno del Triplete era un extraterrestre. Non solo in campo, ma tutti i giorni in allenamento. Poi se vogliamo ragionare sulla carriera, allora dico Buffon. Ma Buffon per me è stato il più forte di sempre”