Il suo club lo scarica: duello tra Milan e Juve!

0
360

L’addio sempre più vicino, rimane sempre in Serie A il Diavolo molto interessato ma rovina i piani la Juve. Con il successo sulla Lazio, la Juventus allunga a sei la striscia di vittorie consecutive in campionato, per di più senza subire gol, e arriva alla pausa in terza posizione solitaria in classifica.

Un risultato che sarebbe stato difficile immaginare soltanto un mese fa, ma la squadra bianconera ha trovato una nuova quadra e risorse inattese anche nelle difficoltà.

La compagine di Allegri, al netto del flop in Champions League, ha ripreso un’andatura di tutto rispetto e per la seconda parte della stagione rilancia le proprie ambizioni.

Il tecnico livornese guarda con ottimismo a gennaio, al ritorno di infortunati di lungo corso, e magari guardando al mercato, per provare la rimonta sul Napoli, che al momento è ancora a 10 punti di distacco.

Ci crede, altrettanto, il Milan campione d’Italia, che ancora una volta si è tirato fuori dai guai, con la Fiorentina, negli ultimissimi minuti, rimanendo a -8 dagli azzurri. Anche per i rossoneri, può arrivare qualcosa dal mercato a gennaio. Per entrambe, occhio a un vecchio obiettivo, che può tornare d’attualità.

In casa Lazio, c’è sempre più un caso Luis Alberto. Lo spagnolo, anche ieri contro la Juventus, nel match dello Stadium, pur in una situazione con diverse assenze per i biancocelesti, è partito dalla panchina, per la sesta volta nelle ultime otto gare ufficiali per i capitolini.

Il rapporto con Sarri appare in progressivo deterioramento e l’analisi di ‘Sky Sport’ è impietosa: già in estate, l’idea era cedere il numero 10, il discorso torna valido a gennaio, nel momento in cui si dovesse trovare un acquirente.

E l’allenatore non si opporrebbe alla partenza, non riuscendo a trovare dal giocatore le risposte desiderate.

Come detto, in passato Juventus e Milan hanno già monitorato l’andaluso, l’occasione potrebbe essere ghiotta. Anche se sono sempre molto interessate le squadre della Liga: il Siviglia in primis, ma anche il Valencia di Gattuso.