Il Diavolo lo perde gratis, col maxi ingaggio raggiunge CR7!

0
5058

Il prossimo calciomercato un importante giocatore nelle mani dei Arabi. Aver tagliato il traguardo dei quarti di finale di Champions League è stato senza dubbio un successo molto significativo per il Milan targato Stefano Pioli. A maggior ragione considerando che questo evento non si verificava da parecchi anni.

Almeno in Europa, dunque, Giroud e compagni sono riusciti ad alzare l’asticella, mentre in campionato le cose stanno andando diversamente rispetto a quanto ci si aspettava ad inizio stagione.

Anche perché sono mancati alcuni protagonisti indiscussi della scorsa annata, su tutto Rafael Leao. Il portoghese, come noto, presenta un contratto in scadenza giugno 2024 e il rinnovo non è affatto scontato, anzi.

Tant’è che Maldini e Massara si stanno guardando attorno da tempo alla ricerca di papabili sostituti del portoghese e un nome che piace parecchio è quello di Wilfried Zaha, accostato anche a Roma e Juventus in Serie A. A tal proposito, giungono novità poco rassicuranti dall’Inghilterra.

Secondo il ‘Daily Mail’, infatti, il calciatore anglo-ivoriano avrebbe ricevuto una ricchissima offerta d’ingaggio da 9 milioni di sterline all’anno (poco più di 10 milioni di euro, tasse escluse), proveniente dall’Al-Ittihad.

Questo club milita nella Saudi Professional League, lo stesso dove gioca attualmente Cristiano Ronaldo con la maglia dell’Al-Nassr. La scadenza dell’accordo scritto di Zaha è prevista per il prossimo 30 giugno e a questo punto appare sempre più probabile una separazione dal Crystal Palace a parametro zero.

Il club inglese dal canto suo, sempre secondo la fonte citata, offrirebbe al giocatore lo stipendio più oneroso mai proposto nella loro storia. A dimostrazione di quanto il Crystal Palace ci tenga a trattenere una pedina che da un po’ di anni a questa parte si è presa i riflettori, diventando un simbolo del club.

Le italiane, Milan in particolare, sperano che Zaha possa accantonare tale proposta e confidano nella voglia dell’attaccante di mettersi ancora in mostra nel calcio che conta.

All’età di 30 anni (compiuti a novembre) un giocatore del genere può fare assolutamente la differenza in un campionato come la Serie A e potrebbe essere davvero la soluzione ideale per sostituire eventualmente Leao. Pista da monitorare attentamente insomma.