Inter: settimana decisiva per il colpo in difesa. La pista più percorribile

0
227

 

Sei punti in due partite. L’Inter in campo ha fatto il suo, più o meno convincendo fra il Via Del Mare di Lecce e la convincente vittoria di San Siro contro lo Spezia.

Inzaghi ha ottenuto il massimo sul rettangolo verde e le conferme dell’intero gruppo da Zhang alla vigilia della sfida contro i liguri blindando un mercato a cui, però, fin dall’inizio del mercato, ovvero dall’addio a parametro zero di Andrea Ranocchia, manca un colpo nel reparto arretrato.

E la settimana che la dirigenza nerazzurra vivrà a partire dalla giornata di oggi sarà quella fondamentale per completare l’organico e far sorridere in toto l’allenatore nerazzurro.

Acerbi in pole

 

La parola d’ordine, lo abbiamo raccontato più volte, è “budget zero”. Nel senso che blindando l’intero organico e limitandosi, almeno per ora, agli incassi per Pinamonti e Casadei e ai risparmi sugli ingaggi di Vidal, Vecino e Sanchez, non c’è margine per chiudere un colpo che preveda esborsi economici.

Per questo la pista più percorribile resta quella di Francesco Acerbi, che con la Lazio ha rotto da tempo e che ha davanti a sé due vie: la prima porta allo svincolo (rinunciando a un triennale da 2,3 milioni a stagione) e la seconda a un prestito con diritto di riscatto con l’intero ingaggio pagato dai nerazzurri almeno per la prima stagione.

Lotito riflette ma lentamente sta accontentando le richieste di Pastorello per porre fine all’avventura laziale (l’agente).

 

Le alternative 

 

L’Inter ha provato a lungo il percorso che porta a piste alternative come quelle per Akanji, ma il Borussia Dormtund non fa sconti e chiede 15 milioni rifiutando l’opzione di un rinnovo per agevolare il prestito con diritto di riscatto, e a Chalobah, sponsorizzato da Lukaku, ma per cui il Chelsea tentenna sul prestito secco.

Non è escluso che altri profili possano comparire nelle prossime ore, ma tutti dovranno essere accomunati dallo stesso presupposto. Prestito o esborso zero per il cartellino. Altrimenti l’Inter rimarrà così, con D’Ambrosio, Dimarco e Darmian che si alterneranno nel coprire i buchi di un reparto che comunque potrà contare in Skriniar-De Vrij e Bastoni da titolari.

Sembra che Inzaghi abbia bene  in mente cosa può fare in questo  mercato .