Il ritorno più atteso dai tifosi, Pioli rischia!

0
2957

Pioli in bilico dopo l’ultimo weekend di Serie A.

La sosta delle nazionali sarà lunga e dal retrogusto amaro per il Milan, che si trascina dietro le brutte sensazioni della pesante sconfitta contro l’Udinese. Adesso il rischio di non qualificarsi alla prossima Champions League spaventa la società meneghina.

Chi rischia seriamente di non essere riconfermato, come rivelato oggi, è Stefano Pioli. La Juventus adesso è solamente a 7 punti di distanza e, se dovesse recuperare i 15 punti di penalizzazione al Collegio di Garanzia presso il CONI allora i rossoneri sarebbero fuori dalla zona Champions.

Uno spauracchio che si sta tramutando in un autentico incubo e che potrebbe avere un impatto notevole sul futuro del Milan. L’erede di Pioli, poi, potrebbe arrivare da una situazione simile a quella del ‘Diavolo’.

Ora la corsa Champions spaventa il Milan: Pioli rischia e Ancelotti è nella stessa situazione
In attesa di vedere come si concluderà la stagione e la corsa alla prossima Champions League, si può già dire che il Milan non è riuscito a rispettare le aspettative. I rossoneri si sono presentati come campioni in carica, ma non sono stati mai in corsa per lo scudetto e gli scivoloni sono stati molteplici.

In caso di addio e separazione con Stefano Pioli al termine della stagione, il grande sogno dei tifosi potrebbe avere come protagonista Carlo Ancelotti. I due allenatori, entrambi emiliani, hanno un destino comune: la strada in Champions League potrebbe rivelarsi determinante per salvare una stagione che sta iniziando ad assumere contorni preoccupanti.

Ieri sera la sconfitta nel Clasico ha permesso al Barcellona di allungare il proprio vantaggio e la vittoria della Liga appare ormai compromessa per il Real.

Ipotizzare un ritorno di Ancelotti a Milano, in questo momento, è complicato e richiederebbe l’allineamento di diversi pianeti. La speranza della società meneghina, ovviamente, è quella di poter decidere in estate con la serenità garantita dall’accesso alla prossima Champions League.

Fallire il piazzamento nelle prime quattro, dopo aver vinto lo scorso campionato, porterebbe la nuova proprietà a mettere tutti in discussione: compreso Paolo Maldini.